Il 15 marzo di ogni anno è denominato Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla ed è dedicato a coloro che soffrono di disturbi del comportamento alimentare (DCA) che, solo in Italia, sono circa 3 milioni di giovani.

Presso la Clinica Specialistica Psichiatrica Villa Margherita di Arcugnano, specializzata tra l’altro nei percorsi terapeutici dedicati proprio a questa tipologia di disturbi, dal 14 marzo) sarà allestita una esposizione delle opere realizzate durante i laboratori espressivi frequentati da pazienti del reparto e del day hospital dell'Unità DCA (disturbi del comportamento alimentare).
L’esposizione, viste le necessarie restrizioni per il Covid-19, non sarà purtroppo aperta al pubblico ma sarà comunque un’iniziativa per valorizzare le opere prodotte dai pazienti coordinati dall’arte terapeuta Valentina Grotto della Cooperativa “Cosmo” di Vicenza.
Lavori che sono stati ispirati dall'approfondimento del concetto di bellezza e dell'imperfezione della bellezza nelle varie culture: “Abbiamo osservato - dice la Grotto - come attraverso culture diverse la bellezza si manifesti diversamente, valorizzando l’alterità e la diversità”.

Clinica Specialistica Psichiatrica Villa MArgherita - I lavori dei pazienti per la sensibilizzazione sui disturbi dell’alimentazione

In Italia, lo dicevamo, sono circa 3 milioni i giovani che soffrono di DCA, un fenomeno spesso sottovalutato sia da chi ne soffre sia dai famigliari, e che costituisce una vera e propria epidemia sociale: il 95,9% sono donne, il 4,1% uomini.
Soffrire di un DCA, oltre alle conseguenze negative sul piano organico, comporta effetti importanti sul funzionamento sociale della persona, con gravi penalizzazioni della qualità di vita; ne limita le capacità relazionali, lavorative e sociali.
Spesso, inoltre, il disturbo alimentare è associato ad altre patologie psichiatriche e fisiche: oltre, quindi, a provocare un’intensa sofferenza psichica, coinvolge anche il corpo, con conseguenze gravi fino alla morte.

È preoccupante l'osservazione che solo una piccola percentuale di persone che soffrono di queste patologie chiede aiuto.