Cos'è la Depressione Maggiore Resistente

In tutti i casi in cui i pazienti affetti da Depressione Maggiore non rispondono in modo adeguato a trattamenti antidepressivi, si parla di Depressione Resistente al Trattamento.

Approssimativamente il 30%-50% dei casi di Depressione Maggiore non risponde in maniera soddisfacente al primo trial con antidepressivi.
Dopo molteplici interventi terapeutici, fino al 10% dei soggetti possono permanere sintomi depressivi residui.

I sintomi della Depressione Maggiore Resistente

I casi di Depressione Maggiore Resistente si hanno quando non si verifica alcuna risposta a trattamenti adeguati prescritti ed assunti ad un dosaggio adeguato per un tempo adeguato ed i sintomi risultano immutati o peggiorati.

Non tutti i casi di Depressione Maggiore Resistente sono realmente tali, connotandosi come condizioni di Pseudo-Resistenza, ovvero condizioni di apparente resistenza al trattamento, ma che in realtà sono determinati da aspetti di inadeguatezza del trattamento che possono dipendere dal terapeuta e/o dal paziente stesso.

Ad esempio, errori terapeutici (dosi sub-terapeutiche di antidepressivi, trattamenti per periodi di tempo non adeguati e non sufficienti, mancato riconoscimento del sottotipo di disturbo depressivo presentato dal paziente), variabili farmacocinetiche individuali, scarsa aderenza al trattamento (a causa di effetti collaterali mal tollerati), errata assunzione della terapia prescritta, presenza di altre malattie organiche taciute allo specialista, ecc...

La cura della Depressione Maggiore Resistente

Nello specifico, nei casi di Depressione Maggiore Resistente esistono diversi gradi di resistenza, che possono essere agevolmente identificate dallo specialista psichiatra che può intervenire identificando casi di reale Depressione Maggiore Resistente da casi di Pseudo-Resistenza e, pertanto, fornire al soggetto le migliori soluzioni terapeutiche.

I nostri Centri ai quali rivolgersi