Le fasi sonno-veglia sono regolate da diversi meccanismi che quando vengono alterati causano uno scompenso degli orari destinati ad un riposo equilibrato.

Il ritmo circadiano è legato al nucleo soprachiasmatico dell’ipotalamo, che regola il sonno e altri ritmi biologici, influenzato dal ciclo luce buio della giornata.
La mancata sincronizzazione del ritmo endogeno (sonno-veglia) e del ritmo esogeno (imposto dallo stile di vita) dell’uomo, porta ai disturbi del ritmo circadiano: fatica, difficoltà di concentrazione, irritabilità, scarso rendimento sul lavoro, diventa difficile addormentarsi o risvegliarsi a seconda dei casi.

Le patologie del ritmo circadiano possono originare da un’alterazione del pace maker endogeno o da cause esterne.
Le principali sono:

  • sindrome da fase di sonno ritardata o anticipata, rispetto agli orari convenzionali
  • sindrome ipernictemerale, legata a cicli irregolari di sonno rispetto al giorno precedente
  • sindrome da jet-lag, determinata dai fusi orari dei viaggi
  • sindrome da turnismo, con insonnia nelle ore serali e sonnolenza diurna

Se desideri ricevere assistenza a distanza riguardo sintomi e/o situazioni di disagio che richiedono il parere immediato di uno specialista

I nostri Centri ai quali rivolgersi